CIR Aree a rischio e a forte processo immigratorio

È stato sottoscritto il CIR AAFRPM definitivo relativo all’anno scolastico 2015-16 per un contributo complessivo di 1.975.290,42 €.

Per quanto riguarda l’avvio della contrattazione per a.s. 2016-17, considerato che il CIR AAFPM è stato ampiamente rivisto nell’a.s. 2015-2016 verificato che non sono stati evidenziati particolari problemi nella sua applicazione, si è ritenuto opportuno di proporre lo stesso per il corrente anno scolastico.

Si è discusso la sola modifica della tabella degli elementi di valutazione nel punteggio relativo agli indicatori percentuali alunni stranieri superiore al 10% con 30 punti al posto di 25 punti e indicatore n. nomadi con un max. 5 punti in sostituzione dei 10 punti attuali (vedi allegato).

Il MIUR ha comunicato che il finanziamento relativo a.s. 2016-17 dovrebbe salire sino a 3.300.000 €.

Sottoscritta l’Ipotesi di CCNI sul riparto del MOF e aree a rischio 2016-17

Incontro al MIUR del 27 giugno

Al termine della riunione è stata finalmente sottoscritta, dopo alcuni incontri, l’Ipotesi di CCNI relativa a CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE COSTITUENTI IL FONDO MOF PER L’A.S. 2016-17.

Come vi avevamo già comunicato nei precedenti resoconti, l’importo complessivo del MOF per l’a.s. 2016-17, per il quale si deve effettuare il riparto, è pari a 689,21 milioni di euro. Le risorse finanziarie, destinate a retribuire gli istituti contrattuali previsti dagli artt. 9, 30, 33, 47, 62, 84, 86 e 87 del comparto scuola 2006-09, come modificati dalle successive sequenze contrattuali, pari complessivamente a 689,21 milioni di euro, sono state così suddivise, (come previsto all’art. 1 della Ipotesi di CCNI):

  • Fondo dell’istituzione scolastica art. 84 (FIS):
    euro 527.180.000,00
  • Funzioni strumentali art. 33:
    euro 55.240.000,00
  • Incarichi specifici artt. 47e 62:
    euro 29.620.000,00
  • Attività complementari di educazione fisica art. 87:
    euro 22.150.000,00
  • Ore eccedenti sostituzione art. 30:
    euro 30.000.000,00
  • Aree a rischio art. 9
    euro 23.870.000,00
  • Comandati art. 86
    euro 1.150.000,00
  • TOTALE:
    689.210.000,00 Euro

Vi evidenziamo, inoltre, la novità di non prevedere, per il 2016-17, un CCNI a parte per il riparto delle somme destinate alle misure incentivanti per i progetti relativi alle aree a rischio.

Per quanto attiene i fondi per le aree a rischio e forte processo immigratorio, inserite e ripartite per ogni regione, quest’anno, per la prima volta, nel CCNI per il riparto del MOF, al fine di velocizzarne le assegnazioni alle scuole e la contrattazione di livello regionale, le somme da assegnare alle Istituzioni scolastiche interessate, sono complessivamente pari ad euro 23.870.000,00, con l’assegnazione di circa 5 milioni di euro in più rispetto allo stanziamento del precedente a.s., suddivise secondo un riparto regionale inserito all’art. 7 della Ipotesi di CCNI.

È stato effettuato un riparto delle risorse per le aree a rischio, incrementate rispetto agli aa.ss. precedenti, assegnando le somme aggiuntive alle regioni, per le quali, da un monitoraggio aggiornato, sono emersi, negli ultimi anni, incrementi di difficoltà, derivanti dalla dispersione scolastica e dall’incremento del forte processo immigratorio.

Sempre con la finalità di accelerare le procedure, evitando la sottoscrizione di un altro CCNI per il riparto delle economie, si è pensato di definire, già nel CCNI, le finalità di utilizzo delle stesse, che, come si ricorda, nelle precedenti Intese, (sottoscritte a parte rispetto al MOF), sono state utilizzate per il pagamento della indennità di bilinguismo e trilinguismo, indennità di direzione ai sostituti dei DSGA e indennità di turni notturni e festivi effettuati dagli educatori e dal personale ATA in servizio presso i convitti. Il CCNI sottoscritto oggi conferma tali finalità e definisce la percentuale di riparto tra le stesse.

All’art. 9 dell’Ipotesi di CCNI, infatti, si è concordato che le economie che, eventualmente, dovessero verificarsi nell’attuazione del CCNI, incrementeranno le risorse finanziarie delle istituzioni scolastiche, per le finalità già utilizzate negli aa.ss. precedenti, destinando, in particolare, una percentuale del 4% per indennità di bilinguismo e trilinguismo, 77% per gli oneri per l’indennità di direzione al sostituto del DSGA e il 19% per il pagamento dei turni notturni e festivi.

L’Amministrazione effettuerà, nei primi giorni di luglio, un monitoraggio per rilevare le esigenze delle scuole su tali finalità di spesa.

Purtroppo, non è stato possibile realizzare l’obiettivo di inserire nel CCNI per il MOF anche il riparto del fondo di cui all’art. 86 del CCNL (pari ad euro 1.150.000 come indicato all’art. 8 della Ipotesi di CCNI), per i compensi accessori al personale scolastico comandato presso il MIUR, a causa dei ritardi della certificazione degli specifici precedenti CCNI.

Abbiamo chiesto al MIUR l’apertura di un serrato confronto per predisporre le ipotesi di CCNI per i comandati, relative agli aa.ss. non ancora definiti, pervenendo, quanto prima, anche alla sottoscrizione di un CCNI per il riparto dello specifico fondo per tutti gli anni precedenti non ancora contrattati, fino a pervenire al 2016-17, anche al fine di non creare ulteriori danni a tale personale e disparità di trattamento con le altre categorie di personale della scuola.

La Delegazione SNALS-Confsal si è battuta per realizzare un confronto quanto più possibile rapido, per raggiungere l’obiettivo primario di assegnare alle scuole, già nel mese di settembre, le risorse finanziarie spettanti, in modo da favorire un’adeguata tempestiva programmazione delle attività da effettuare nell’a.s. 2016-17.

Come è noto, l’Ipotesi di CCNI, sottoscritta sarà sottoposta alle successive verifiche per la congruità normativa e contabile; abbiamo già chiesto all’Amministrazione il massimo impegno per velocizzare le verifiche interne al MIUR ed inviare, quanto prima, l’Ipotesi di CCNI a Funzione Pubblica e MEF per l’esame congiunto.

Allegato

 

 

Aree a rischio e a forte processo immigratorio: ripartizione fondi per l’a.s. 2015-16

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio V – A.T. Como – Settore regionale Ordinamenti
e Politiche per gli Studenti

via Pola, 11 – 20124 Milano – Codice Ipa: m_pi
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n°. MIUR AOODRLO 9261
Milano, 7 giugno 2016

Ai dirigenti degli Uffici Scolastici Provinciali della Lombardia

Ai dirigenti delle istituzioni scolastiche statali
di ogni ordine e grado della Lombardia

e p.c.
Alle OO.SS. regionali-comparto scuola

Oggetto: Aree a rischio e a forte processo immigratorio (Art. 9 CCNL): ripartizione fondi per l’anno scolastico 2015-16

Con riferimento alla nota MIUR AOODGSIP prot. n° 1598 del 26 febbraio 2016 e alla nota prot. MIUR AOODRLO 5908 del 14 aprile 2016, cui era allegata l’ipotesi di CIR 2015-16, l’ufficio pubblica in allegato le graduatorie delle Aree a forte processo immigratorio e delle Aree a rischio, con le relative quote di finanziamento.

Evidenziamo che gli elenchi sono suddivisi per provincia e che riportano il punteggio attribuito sulla base delle schede allegate al CIR.

Precisiamo che non sono stati ammessi al finanziamento AAFPI i progetti presentati da scuole che non hanno evidenziato almeno il 10% di alunni stranieri sul totale degli iscritti all’istituzione, così come previsto dal CIR.

Il dirigente
Roberto Proietto

Allegati

 

 

Iniziative di formazione del personale docente nelle aree ad alto rischio socio-educativo e a forte concentrazione di immigrati

Aree ad alto rischio
e a forte immigrazione

Il 5 novembre il MIUR ha pubblicato, sul proprio sito, il decreto n° 812 del 30 ottobre 2014 del MIUR – Dipartimento per il Sistema educativo di istruzione e formazione-Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione.

Con tale decreto si stabilisce la destinazione di un finanziamento di 100 mila euro, di cui all’art. 5 comma 1 lettera e) del DM 351 del 24 maggio 2014; tale finanziamento viene destinato per le iniziative di formazione del personale docente nelle aree ad alto rischio socio-educativo e a forte concentrazione di immigrati, come previsto dal DL 12 settembre 2013 n° 104 (art. 16 comma 1 lett. c).

Il decreto prevede che ciascun Ufficio Scolastico Regionale individuerà una scuola polo per il coordinamento delle azioni di formazione e la gestione contabile, in base ai criteri appresso sintetizzati:

  • realizzazione di progetti di formazione del personale docente delle scuole di ogni ordine e grado per l’integrazione e la riuscita scolastica degli studenti con cittadinanza non italiana, con particolare attenzione a: didattica interculturale, bilinguismo italiano come lingua 2;
  • promozione di attività per l’analisi del contesto territoriale, per prevenire e/o limitare il disagio degli studenti;
  • diffusione di modelli di flessibilità organizzativa per garantire il diritto allo studio e favorire il successo formativo;
  • attivazione di strategie operative per il contrasto della dispersione scolastica e l’ampliamento delle conoscenze e competenze degli alunni.

Il decreto prevede che i fondi saranno ripartiti con l’utilizzo dei parametri percentuali previsti dal CCNI concernente “Criteri e parametri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio educativo, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica”, siglato in data 16 settembre 2014 ed indicati nell’allegato A al DM.
Gli USR invieranno alla Direzione Generale degli Ordinamenti scolastici l’elenco dei progetti approvati e delle scuole titolari, con i relativi importi, entro il 20 novembre 2014.

Fondi per le aree a rischio
e a forte processo immigratorio

Direzione Generale
Ufficio IV – Rete scolastica e politiche per gli studenti
via Pola, 11 – 20124 – Milano
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n° MIUR AOODRLO R.U. 8590
Milano, 12 maggio 2014

Ai dirigenti degli Ambiti Territoriali
della Lombardia

Ai dirigenti scolastici
delle istituzioni scolastiche statali della Lombardia

E p.c.
Alle OO.SS. regionali – comparto scuola

Oggetto: Aree a rischio e a forte processo immigratorio (Art. 9 CCNL): ripartizione fondi per l’anno scolastico 2013-14

Si comunica che in data 9 maggio 2014 si è tenuto l’incontro con le OO.SS. regionali, comparto scuola, per il Contratto Integrativo Regionale, in ordine alla ripartizione dei fondi “Aree a rischio e forte processo immigratorio” per l’anno scolastico 2013-14.

Tale accordo, ai sensi dell’art. 9 CCNL comparto scuola, 2006-09 e con riferimento alle note MIUR AOODGSC prot. n° 724 del 4 febbraio 2014 e MIUR AOODGSC prot. n° 923 del 13 febbraio 2014, nonché alla nota MIUR AOODGSC prot. 923 del 13 febbraio 2014, fissa i criteri per la distribuzione delle risorse alle scuole (3.534.897,00 € per la Lombardia).

Valutata l’entità del fenomeno e i sensibili incrementi registratisi negli ultimi anni nel processo immigratorio, viene stabilita una preliminare suddivisione del fondo in questione, nella misura del 90% per le aree a forte processo immigratorio e del 10% per le aree a rischio.

1. Assegnazione della quota destinata alle AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

La quota del 90% del fondo è destinata a finanziare progetti di istituzioni scolastiche collocate in aree a forte processo immigratorio (3.181.407,30 €).

Con “aree a forte processo immigratorio” si intendono quelle dove sono collocate scuole con una percentuale di alunni stranieri superiore al 10%.

Le Istituzioni scolastiche potranno accedere a tale quota di fondo richiedendo il finanziamento per progetti finalizzati all’integrazione e alla riuscita scolastica degli studenti con cittadinanza non italiana.

L’assegnazione della quota alle singole istituzioni scolastiche avverrà, come indicato dall’accordo regionale, in base ad una graduatoria che sarà stilata tenendo conto sia di elementi quantitativi sia di fattori qualitativi sul progetto che la scuola intende realizzare.

2. Assegnazione della quota destinata alle AREE A RISCHIO

La rimanente quota del 10% del fondo è destinata a finanziare i progetti finalizzati a contrastare il fenomeno del disagio e dell’insuccesso scolastico (353.489,70 €).

Con “aree a rischio” si intendono quelle dove sono collocate scuole in cui la forte sofferenza socioeconomica e le manifestazioni di disagio giovanile determinando ritiri, frequenze irregolari, ritardi scolastici, presentano alto rischio di insuccesso.

Si precisa che il 20% della quota destinata alle Aree a Rischio è riservata alle sole scuole capofila di rete per progetti per le scuole in ospedale (euro 70.697,94).

3. Procedura per la richiesta dei finanziamenti

Per domandare il finanziamento, le Istituzioni scolastiche, per ciascuno dei progetti cui vorranno aderire, potranno accedere alla scheda da compilare esclusivamente online, appositamente predisposta all’indirizzo www.formistruzionelombardia.it, così indicata:

  • scheda per progetti AARR;
  • scheda per le sole scuole capofila di rete per progetti per la Scuola in ospedale;
  • scheda per progetti AAFPI.

L’accesso è consentito con le credenziali in possesso dell’Istituzione scolastica.

In caso di smarrimento delle credenziali, le istituzioni scolastiche potranno recuperarle seguendo le istruzioni presenti sul sito www.formistruzionelombardia.it

Le richieste dovranno essere inoltrate, online, a partire dalle ore 9:00 del 13 maggio 2014 al termine del 24 maggio 2014, data ultima per l’immissione dei dati. Si sottolinea che tale termine deve essere ritenuto inderogabile, in relazione alla necessità di questa Direzione Generale di provvedere agli adempimenti successivi.

Contestualmente alla richiesta inviata online, le Istituzioni Scolastiche dovranno preparare e conservare agli atti la documentazione di seguito indicata, per consentire i necessari riscontri da effettuarsi con le successive azioni di monitoraggio che nello specifico riguarderanno ciascuna delle voci dichiarate per una verifica di efficacia delle attività progettuali realizzate.

Le modalità e la tempistica relative alla procedura di monitoraggio saranno in seguito comunicate con apposita circolare.

Si precisa che, come da nota MIUR AOODGSC prot. n° 2524 del 18 aprile 2014, le scuole potranno ultimare i progetti entro la fine di novembre 2014, purché gli stessi siano stati avviati nel corso del corrente anno scolastico.

DOCUMENTAZIONE DA CONSERVARE

  • copia della scheda inviata online per la richiesta del finanziamento, sottoscritta dal dirigente scolastico e stampa ricevuta per avvenuto invio;
  • testo integrale del progetto per il quale viene richiesto il finanziamento;
  • delibera del Collegio dei docenti di approvazione del progetto.

Nel ringraziare per la consueta collaborazione, si raccomanda, nel generale interesse e per consentire una rapida assegnazione delle risorse, il rigoroso rispetto dei termini e degli adempimenti procedurali previsti.

Il direttore generale
Francesco de Sanctis

Allegati

FdS/MA/ta
Referente
Gaetana Tullia Angino
tel. 02 574 627 249
Email gaetanatullia.angino@istruzione.it