Definite le condizioni per l’assunzione dei docenti dagli ambiti alle scuole con criteri trasparenti e oggettivi

Fissate le condizioni per una positiva conclusione

L’incontro in sede politica del 6 luglio 2016 al MIUR ha permesso di definire le condizioni per giungere alla positiva soluzione di un accordo sulla sequenza contrattuale per l’assegnazione dei docenti dagli ambiti alle scuole.

Questi in sintesi gli elementi su cui si fonderà l’elaborazione del CCNI, frutto di un difficilissimo confronto:

  • trasparenza della procedura;
  • oggettività dei requisiti considerati funzionali all’attuazione dell’offerta formativa;
  • garanzia di requisiti definiti su una tabella titoli individuata a livello nazionale senza alcuna discrezionalità della procedura.

Si avvia così a conclusione un difficile e impegnativo percorso, per il quale si ipotizza una definitiva chiusura in tempi brevi; percorso aperto con l’accordo sulla mobilità territoriale dei docenti e che ha valorizzato ancora una volta il ruolo della contrattazione nell’affrontare e superare le più evidenti criticità della legge 107/2015, a partire dalla chiamata diretta.

Roma, 7 luglio 2016

 

 

Problema della trasparenza
nell’assegnazione della sede
nella Fase B

Non si conoscono i criteri utilizzati
e si lamenta la mancata pubblicazione
delle assegnazioni di provincia nella Fase B

Iil Ministero ha emanato, in data 7 settembre 2015, la nota prot. 28853, avente per oggetto: “Legge 107/15 – piano straordinario delle assunzioni del personale docente – Fase B – assegnazione della sede di servizio”.

Rimane ancora irrisolto il grave nodo della trasparenza delle operazioni, dovuto alla mancata conoscenza dei criteri utilizzati e mancata pubblicazione delle assegnazioni di provincia nella Fase B, suddivisi per regione e per insegnamento, come richiesto dallo SNALS-CONFSAL nei vari incontri al MIUR. Non è ancora possibile, quindi, verificare, con chiarezza, se la procedura utilizzata sia stata trasparente, imparziale e attuata nel pieno rispetto dei sacrosanti diritti del personale.