Aggiornamento delle graduatorie di istituto del personale docente, triennio 2017-20. Modello B di scelta delle sedi – scadenza invariata al 25 luglio

Roma, prot. n° 31285
del 20 luglio 2017

Oggetto: Aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo, triennio scolastico 2017-20. Modello B di scelta delle sedi

Si fa seguito alla nota dipartimentale prot. n° 1295 del 27 giugno u.s. per rappresentare la necessità di garantire un supporto costante, attraverso gli Uffici provinciali, alle istituzioni scolastiche per gli adempimenti preordinati alla corretta prosecuzione delle attività relative alla procedura di aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo per il triennio scolastico 2017-20. Come noto, gli aspiranti presenti nella prima fascia delle graduatorie di istituto per effetto dell’inserimento in GAE sono vincolati a mantenere le sedi del precedente triennio anche nel caso in cui, per diversi motivi, queste sedi fossero presenti solo sulle posizioni di seconda/terza fascia. Tuttavia, si sono verificati casi di taluni aspiranti inseriti in GAE tardivamente per effetto di pronunce giurisdizionali e anche nelle graduatorie di istituto di II e/o III fascia del triennio 2014-17, ma non nella prima fascia, che per il triennio 2017-20 hanno cambiato la scuola di riferimento rispetto al triennio precedente. Nonostante le precedenti istruzioni comunicate dal Gestore Informatico a codesti uffici, già a partire dall’11 luglio u.s., finalizzate alla risoluzione della problematica, risulta a questa Direzione che molte istituzioni scolastiche non hanno dato seguito alle istruzioni di cui sopra. Pertanto, al fine di ripristinare l’esatta posizione dell’aspirante nel precedente triennio, si rammenta che è stato inserito un blocco nelle funzioni POLIS di inserimento del modello B, invitando l’aspirante a recarsi presso la scuola di riferimento per regolarizzare la propria posizione. A tal fine sarà effettuata, a cura del sistema informativo, la cancellazione della domanda che l’aspirante ha presentato per il triennio 2017-20, affinché la scuola competente del precedente triennio possa così procedere ad acquisire la domanda dalla scuola a cui era stata erroneamente presentata. Considerata la ristrettezza dei tempi si consiglia di anticipare la trasmissione della domanda in modalità telematica. In mancanza di tale adempimento non sarà possibile per l’aspirante confermare sul portale POLIS il modello B di scelta delle sedi.

Inoltre, da alcune segnalazioni di aspiranti che tentano l’accesso al modello B, è emerso che talune scuole hanno acquisito le domande sui codici delle vecchie classi di concorso e non sulle nuove previste dal DPR 19/2016. Al riguardo sarà predisposto un file, a cura del sistema informativo, per segnalare questa situazione di possibile errore scusabile dedotta soltanto dalla coincidenza del codice della classe di concorso presente nello storico con la classe di concorso acquisita per il nuovo triennio. Eventuali modelli B presentati per classi di concorso incoerenti con il titolo di accesso dovranno essere aggiornati a valle delle modifiche fatte dalla scuola. Risulta inoltre a questa Direzione generale che alla data odierna alcune istituzioni scolastiche non hanno ancora provveduto ad inserire al SIDI le domande di inclusione/aggiornamento in graduatoria.

Si invitano pertanto gli Uffici a porre in essere tutte le necessarie iniziative e a segnalare le eventuali criticità, affinché le suddette istituzioni scolastiche completino al più presto le suddette attività propedeutiche alla presentazione del modello B, in vista dell’approssimarsi, per gli aspiranti, del termine di scadenza di presentazione del modello B telematico di scelta delle istituzioni scolastiche, fissato al 25 luglio p.v.

Il direttore generale
Maria Maddalena Novelli

Graduatorie d’istituto – promemoria

LE NOVITÀ

1. Chi è in GAE per un insegnamento potrà aggiornare la propria posizione (punteggio) nella graduatoria di scuola per gli altri insegnamenti per cui non è in GAE senza però poter cambiare le scuole in cui è inserito. Pertanto nella fase successiva al 24 giugno con il modello B dovranno indicarsi le stesse sedi già indicate nel precedente triennio e quindi, necessariamente, la stessa provincia.
2. Chi è in GAE e per la 1ª volta e chiede iscrizione in graduatoria di scuola  di 2ª e 3ª fascia per insegnamenti diversi, può modificare le scuole del biennio precedente, solo relativamente a quelle ove non siano presenti i detti nuovi insegnamenti.
3. È prevista la rideterminazione del punteggio delle abilitazioni conseguite all’estero per chi è già inserito in 2ª fascia, qualora la tabella A preveda una valutazione più favorevole.
4. È prevista la rideterminazione della valutazione dei titoli di strumento musicale e di coreutica. Per coreutica è istituita comer per strumento musicale, la commissione per la valutazione dei titoli.

MODALITÀ E SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE

• Le domande si presentano compilando apposito modello cartaceo ed inviandolo a una scuola  della provincia prescelta entro il 24 giugno (modalità: pec o Raccomandata A/r, raccomandata a mano).
• A seconda delle situazioni gli interessati presentano uno dei seguenti  modelli:
– Modello A1: per gli aspiranti all’inserimento/aggiornamento 2ª fascia
– Modello A2: per nuovi inserimento in 3ª fascia  o per aggiornamento punteggio insegnamento già inserito in precedenza
– Modello A2/bis: per chi deve aggiornare la 3ª fascia e al contempo inserire nuovi insegnamenti.
La scelta delle scuole ulteriori rispetto a quella in cui si è inviato il modello di domanda verrà effettuata dagli interessati in via telematica compilando il modello B disponibile  sul portale Polis del MIUR dal 1° luglio al 20 luglio. Gli interessati  dovranno registrarsi o essere già registrati a istanze on-line.

Documentazione per l’aggiornamento

1. Se ci si rivolge per l’assistenza ad una delle nostre Segreterie o sedi SNALS, è indispensabile avere per ogni graduatoria il punteggio attribuito nel triennio precedente. Se è stato rettificato portare il decreto di rettifica: senza non si può procedere alla compilazione della domanda. Portare inoltre la denominazione del titolo di accesso alle varie graduatorie con gli estremi del conseguimento.
2. Portare lo schema servizi da includere e far valutare, divisi per anno scolastico e per tipologia di contratto (es. scuole statali – paritarie – legalmente riconosciute..ect) e per tipologia di insegnamento e relativa scuola. Verificare che per ciascun anno di servizio siano stati effettuati i 180 giorni oppure no, sullo stesso insegnamento. In questo caso contare il numero di giorni per ogni anno scolastico per ciascun insegnamento e relativo istituto. Per le classi di concorso relative a musica ed arte portare un quadro preciso dei  titoli artistici. Vi preghiamo di contare personalmente i giorni per permetterci di dedicare il tempo agli aspetti più importanti.
3. Portare copia conforme all’originale dei titoli culturali da far valutare in quanto nuovi o non valutati in precedenza.
4. Per le discipline musicali e artistiche nel punteggio del triennio precedente separare quello dei titoli e servizi dai titoli artistici. Se non siete in possesso dei punteggi separati fateveli indicare dalla scuola di riferimento.

Per la nuova inclusione

1. In caso di assistenza presso le nostre sedi SNALS, portare copia conforme all’originale certificati di studio con relativi crediti formativi (il punteggio non espresso in centesimi va rapportato a 100)
2. Portare lo schema servizi da includere e far valutare, divisi per anno scolastico e per tipologia di contratto (es. scuole statali – paritarie – legalmente riconosciute..ect) e per tipologia di insegnamento e relativa scuola. Verificare che per ciascun anno di servizio siano stati effettuati i 180 giorni oppure no, sullo stesso insegnamento. In questo caso contare il numero di giorni per ogni anno scolastico per ciascun insegnamento e relativo istituto. Per le classi di concorso relative a musica ed arte portare un quadro preciso dei  titoli artistici. Vi preghiamo di contare personalmente i giorni per permetterci di dedicare il tempo agli aspetti più importanti.
3. Portare elenco e documentazione titoli artistici per l’inserimento nelle relative classi di concorso. I titoli sono da ordinare come richiesto dall’apposito modello SEZIONE c PAG 9 MODELLO a1 – sez C pag 7  modello domanda A2).

Sempre in caso di assistenza presso le nostre sedi SNALS, ricordiamo a tutti di scaricarsi il modello di domanda rispondente al proprio caso e di compilarlo in ogni parte.

Decreto ministeriale graduatorie d’istituto docenti: incontro al MIUR

 

Il 1° giugno, si è tenuto al MIUR un incontro con il seguente o.d.g.: “Decreto ministeriale graduatorie d’istituto docenti”.

L’Amministrazione ha sottoposto al parere delle organizzazioni sindacali la bozza di decreto, in corso di emanazione, che riguarda le graduatorie di istituto del personale docente di II e III fascia (in sostituzione quelle vigenti negli aa.ss. 2014-15, 2015-16, 2016-17).

Le graduatorie di II e III fascia emanate in applicazione del nuovo D.M. riguarderanno gli anni scolastici 2017-18, 2018-19 e 2019-20. Ciò, in quanto la I fascia delle graduatorie di istituto (in base al dispositivo dell’art. 1, co. 10bis, del D.L. 30/12/2015 n. 210, convertito in legge 25/2/2016 n° 21, che prevede la proroga delle graduatorie ad esaurimento e, conseguentemente, di quelle di I fascia), sarà aggiornata a decorrere dall’a.s. 2019-20.

Il DM in corso di emanazione prevede, tra l’altro, l’inserimento in II fascia per i posti comuni della scuola Primaria, per gli aspiranti in possesso del titolo di studio conseguito entro l’a.s. 2001-02, al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, intrapresi entro l’a.s. 1997-98, avente valore abilitante, escludendo il diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla CM 11/2/91 n° 27 e delle sperimentazioni “Brocca” di liceo linguistico, in quanto il piano di studi non contiene le materie caratterizzanti ovvero scienze dell’educazione, la pedagogia, la psicologia generale, la psicologia sociale e metodologia ed esercitazioni didattiche comprensive di tirocinio, materie caratterizzanti per il riconoscimento del valore abilitante del titolo.

Inoltre, per i posti comuni della scuola dell’Infanzia è stato previsto l’inserimento nelle graduatorie di istituto di II fascia per coloro che siano in possesso del titolo di studio, comunque conseguito entro l’a.s. 2001-02 al termine di corsi triennali e quinquennali delle scuola magistrale, ovvero dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’a.s. 1997-98, aventi valore abilitante.

Come per la scuola Primaria, anche per l’inserimento in II fascia di scuola dell’Infanzia sono rimasti esclusi i diplomi di sperimentazione a indirizzo linguistico di cui alla CM 11/2/91 n° 27 e delle sperimentazioni “Brocca” di liceo linguistico, in quanto il piano di studi non prevede le materie caratterizzanti utili ai fini del riconoscimento del valore abilitante del titolo, ovvero scienze dell’educazione, la pedagogia, la psicologia generale, la psicologia sociale e metodologia ed esercitazioni didattiche comprensive di tirocinio.

Le domande, sia per l’inclusione nelle graduatorie di istituto di II che in quelle di III fascia, saranno prodotte in formato cartaceo entro il termine che sarà stabilito dal DM (che potrebbe essere pubblicato in giornata). In un momento successivo sarà invece effettuata la scelta delle scuole, con procedura on-line.

 Nel corso dell’incontro la delegazione SNALS-Confsal ha:

  • ritenuto che il DM, pervenuto in bozza, nel quale era prevista una data di scadenza della presentazione delle domande al 10 giugno, fosse completamente inaccettabile, in relazione a tale termine;
  • proposto, conseguentemente, che agli interessati sia consentito, come di consueto, un termine di 30 giorni (a partire dalla pubblicazione del DM), per la presentazione delle domande;
  • contestato la modifica dei titoli informatici già previsti con l’inserimento di nuovi titoli, che rischia di incrementare un “mercato dei titoli” spingendo gli interessati ad acquisirne altri, e al tempo stesso dimezza, inaccettabilmente, i punteggi relativi ai titoli informatici già previsti dalla tabella di valutazione del precedente triennio;
  • chiesto l’apertura immediata del confronto per la revisione del regolamento delle supplenze del personale docente, ormai obsoleto visto che risale al giugno 2007 e, a maggior ragione, quello del regolamento di supplenze del personale ATA, del tutto superato ed inadeguato, in quanto risalente al 2000. Ciò anche al fine di allegare agli stessi una nuova tabella di valutazione dei titoli, che varrà per il successivo triennio, in modo che gli interessati possano conoscere in anticipo i titoli che saranno valutabili ed eventualmente decidere di conseguirli.

L’Amministrazione ha parzialmente accolto la nostra richiesta relativa ai titoli informatici, in quanto ha comunicato, a seguito della decisa presa di posizione dello SNALS-Confsal e delle altre organizzazioni sindacali, di non introdurre la valutazione di nuovi titoli informatici; ha, invece (facendo riferimento anche ad una specifica parte del recente parere del CSPI), previsto che i vecchi titoli informatici siano soggetti ad una valutazione ridotta, dimezzando il punteggio assegnato ad ognuno di quelli previsti dalla vecchia tabella (relativa al precedente triennio), e modificato il totale dei titoli informatici valutabili, portandolo da 4 (come previsto nella precedente tabella), a 2.

 

In chiusura dell’incontro l’Amministrazione ha, altresì, precisato che intende dare il via quanto prima alla presentazione delle domande e ha ipotizzato, a seguito delle forti richieste sindacali, un termine di scadenza delle stesse per il giorno 24 giugno.

La nostra delegazione ha puntualizzato che tale termine ultimo, ancorchè non soddisfacente, potrà ritenersi accettabile nel solo caso che la pubblicazione del DM e della relativa circolare di trasmissione avvenga in data odierna.

Nel caso il decreto dovesse essere pubblicato lunedì, ha chiesto che i 24 giorni previsti, alla fine della lunga discussione dall’Amministrazione, siano mantenuti facendoli decorrere da tale data, e conseguentemente spostando il termine finale al 30 giugno.

NdR: il DM è poi stato effettivamente pubblicato il 1° giugno, con scadenza delle istanze (cartacee) il 24 giugno. Dal 1° al 20 luglio segue la fase della scelta delle scuole, on-line.

 

Personale ATA – Graduatorie di circolo e di istituto di 1ª fascia (All. G) – Istanze online

Dal 3 giugno e fino alle ore 14,00 del 4 luglio
gli aspiranti ATA devono scegliere le possibili sedi

In data 1° giugno 2016, il MIUR ha inviato agli UU.SS.RR. la nota n. 15382 avente per oggetto: “Graduatorie di circolo e di istituto di 1ª fascia ATA (All. G) – Istanze online“.

Con tale nota il Ministero rende noto che, a partire dal 3 giugno e fino alle ore 14,00 del 4 luglio 2016, i candidati che, già inclusi in graduatoria permanente provinciale ATA, chiedono di essere inseriti anche nelle graduatorie di circolo e di istituto, devono presentare l’apposita domanda (All. G) per la scelta delle istituzioni scolastiche nelle cui graduatorie di circolo o di istituto intendono figurare. La domanda può essere inviata soltanto tramite le “Istanze online” e non si rende necessario anche l’invio del modello cartaceo in pdf, derivante dall’applicazione, in quanto l’ufficio destinatario lo riceverà automaticamente al momento dell’invio.

Coloro che sono già presenti in tali graduatorie visualizzeranno le sedi già trasmesse nell’a.s. precedente e, conseguentemente, potranno selezionare le sedi esprimibili per l’a.s. 2016-17.

Prima della presentazione dell’Istanza online occorre essere registrati, tramite il riconoscimento fisico dell’aspirante, da effettuarsi presso una istituzione scolastica prescelta dallo stesso; tale registrazione riguarda, ovviamente, soltanto coloro che non sono già registrati.

Con la procedura online, gli interessati potranno acquisire-aggiornare le sedi scolastiche, ai fini dell’inserimento nelle graduatorie di circolo e di istituto di 1ª fascia. Potranno essere richieste non più di 30 istituzioni scolastiche per l’insieme dei profili professionali per cui si ha titolo.

La funzione online dovrà essere utilizzata nei seguenti casi:

  • aspirante già inserito a pieno titolo nelle graduatorie permanenti e nella prima fascia delle graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee della medesima provincia per l’a.s. 2015-16 che intenda mantenere le stesse sedi per l’a.s. 2016-17 o sostituirle del tutto o in parte o comunicarne di nuove nel limite delle trenta consentite per tutti i profili professionali cui ha titolo;
  • aspirante già inserito, a pieno titolo, nelle graduatorie permanenti, ma non inserito nella prima fascia delle graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee della medesima provincia per l’a.s. 2015-16, che richieda l’inserimento in tali graduatorie di circolo e di istituto per l’a.s. 2016-17;
  • infine, l’aspirante che, avendone titolo, concorra per l’inclusione nelle graduatorie permanenti, e chieda anche l’inclusione nella 1ª fascia delle graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee nella stessa provincia per l’a.s. 2016-17.

L’aspirante già inserito a pieno titolo nelle graduatorie permanenti ATA e nella prima fascia delle graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee della medesima provincia per l’a.s. 2015-16, qualora intenda mantenere per l’a.s. 2016-17 le stesse sedi del precedente anno scolastico, può anche non inviare le sedi tramite le Istanze online. In tal caso il sistema informativo procederà alla conferma automatica, ma confermerà le sole sedi che hanno mantenuto lo stesso codice dell’a.s. 2015-16 ed eliminerà quelle che hanno cambiato codice per effetto dei dimensionamenti delle istituzioni scolastiche.

 

 

Graduatorie d’istituto

Rinnovo delle graduatorie
triennali d’istituto

Con Decreto Ministeriale del 22 maggio 2014, il MIUR ha tracciato le linee-guida per l’inclusione degli aventi diritto nelle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia per il personale docente ed educativo. Le domande devono essere compilate utilizzando i modelli (uno per la seconda fascia e uno per la terza, da scegliere tra le conferme o il primo inserimento) allegati al decreto e inviati alla prima scuola indicata tra le preferenze con raccomandata ricevuta di ritorno entro il 23 giugno 2014. In alternativa, possono essere inoltrati tramite pec all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata dell’istituto. Il modello B per la scelta delle sedi dovrà essere compilato e inoltrato tramite il sito web del MIUR, accedendo a Istanze online, previa registrazione, riconoscimento personale e codice identificativo.

Gli aspiranti già inclusi nelle Graduatorie ad Esaurimento (GaE) dovranno compilare il solo modello B per la prima fascia di istituto indirizzandolo ad una delle scuole della provincia prescelta. Il decreto precisa che potranno essere dichiarati e valutati esclusivamente i requisiti di accesso e i titoli posseduti entro la data del 23 giugno 2014. Il decreto ricorda agli aspiranti anche le modalità di interpello per l’assegnazione delle supplenze e le sanzioni per la mancata assunzione o per l’abbandono del servizio. Al decreto sono allegate, tra l’altro le tabelle per la valutazione dei titoli per la seconda e per la terza fascia sulle quali i Sindacati hanno però presentato atto d’impugnazione.

Punteggi graduatorie d’istituto: comunicato unitario

Sindacati Scuola preannunciano l’impugnativa in sede giurisdizionale del DM che modifica le tabelle relative all’aggiornamento delle graduatorie per le supplenze del prossimo triennio

Tutti i Sindacati rappresentativi hanno sottoscritto il comunicato stampa unitario con cui preannunciano l’impugnativa in sede giurisdizionale del DM che modifica le tabelle relative all’aggiornamento delle graduatorie per le supplenze del prossimo triennio.

Si riporta di seguito il testo del comunicato:

Comunicato unitario
I Sindacati impugnano il decreto sulle graduatorie

Il decreto che il ministro Giannini dichiara di aver firmato per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto presenta vizi di illegittimità.

Senza il previsto percorso istituzionale modifica le tabelle per l’attribuzione del punteggio per le abilitazioni, introducendo palesi elementi di iniquità e irragionevolezza, creando inaccettabili disparita e conflittualità tra gli aspiranti alle supplenze.

Le scriventi organizzazioni sindacali della scuola, contrarie nel merito e nel metodo, hanno dato mandato ai loro legali di impugnare congiuntamente al TAR il decreto ministeriale che modifica le tabelle e che è parte integrante dei provvedimenti per l’aggiornamento delle graduatorie per le supplenze del prossimo triennio.

Questa è la prima risposta dei Sindacati, a cui seguiranno ulteriori iniziative e mobilitazioni, se continueranno gli atteggiamenti di arroganza che portano a provvedimenti sbagliati ed inaccettabili e che comporteranno anche inevitabili ripercussioni sull’ordinato avvio del prossimo anno scolastico, di cui il Ministro si assume tutta la responsabilità.

Roma, 13 maggio 2014